Motorcycle Details

Buone feste a tutti.

Fra il 2004 e il 2011 la Regione Emilia Romagna ha speso 123 milioni di euro allo scopo di favorire l’integrazione sociale degli immigrati; 17,6 milioni ogni anno”. E’ quanto rileva in una nota il consigliere regionale Fabio Filippi (Pdl), che precisa: ”Fra le diverse voci di spesa ve ne e’ una molto singolare relativa agli 80mila euro, concessi nel 2007 al Comune di Reggio Emilia, per realizzare un progetto cosi’ denominato: ‘Conoscere le regole del gioco’. Altri 80mila euro sono stati concessi al Comune di Ferrara, per la realizzazione del progetto denominato ‘Mediazione sociale e processi di integrazione”. Per il 2012 la spesa regionale prevista per l’integrazione ammonterebbe a soli, si fa per dire, 3,1 milioni di euro”.
”A fronte di cio’ – osserva – vi sono ancora vaste comunita’ di immigrati, in particolare quelli cinesi, che continuano ad agire secondo le regole, le tradizioni ed i costumi della Cina, sia in campo sanitario che sociale ed altre comunita’, come quelle rappresentate dagli immigrati di religione musulmana, che continuano ad agire secondo regole stabilite non dallo Stato italiano ma dal Corano”.  (ASCA)

Europe-DhimmiSi chiama Kaiciid, ed è un nuovissimo Centro internazionale per il dialogo interreligioso e interculturale che il re saudita Abdullah Ben Abdulaziz ha voluto fondare a Vienna assieme ad Austria e Spagna dopo aver ottenuto un riconoscimento anche dall’Onu. E il Vaticano manda un suo rappresentante.  (…) Sui libri di testo degli studenti delle superiori, pubblicati dal ministero dell’Istruzione di Riad, si leggono frasi del tipo: «Ebrei e cristiani sono nemici dei credenti e non possono avere l’approvazione dei musulmani». E recita un libro in uso alle scuole medie: «Le scimmie sono gli ebrei, il popolo del Sabbah, i suini sono i cristiani, gli infedeli della comunione di Gesù». (…) Il Partito verde austriaco ha espresso dubbi sulle reali intenzioni del regno saudita nel promuovere il Centro – e pagare le spese per i primi tre anni – quando nello stesso tempo esso finanzia molte moschee in Europa dove si predica il wahabismo, l’islam radicale e guerriero. qui

hamasLa Palestina entra nell’Onu come “Stato osservatore”. Abu Mazen:  «Vogliamo la pace». qui

ac15dc4f-f473-4bb7-af6a-c9d908400b23I giudici dall’alta corte per la sicurezza centrale egiziana hanno condannato a morte il reverendo americano Terry Jones, noto per avere bruciato in passato copie del Corano. Gli stessi giudici hanno chiesto la pena di morte per i sei copti, tutti residenti negli Stati Uniti, accusati di avere prodotto il film anti-islam «L’innocenza dei musulmani», chiedendo al gran mufti l’autorizzazione per la condanna, come previsto dalla legge egiziana. (…) L’accusa dal Tribunale penale del Cairo nei confronti dei sette copti egiziani e del pastore americano Terry Jones è di «insulto alla religione islamica e di minaccia all’unità nazionale».

In particolare, secondo la procura, i sette imputati egiziani hanno diffuso idee false e tendenziose con cui hanno prodotto il film sotto accusa, che contiene scene in cui si sostiene che i membri della comunità cristiana siano stati oggetto di persecuzione a sfondo religioso da parte delle istituzioni dello Stato. qui

In una scuola di Winterthur,  uno scolaro musulmano di 12 anni ha cercato di convertire all’Islam uno dei suoi compagni. Quando questi ha rifiutato, gli altri ragazzini musulmani l’hanno talmente tormentato che i suoi genitori hanno dovuto trasferirlo in un’altra scuola. (…) Commenti pesanti sono piovuti a raffica su Facebook e leggendoli si sarebbe potuto credere che la presa del potere da parte dei musulmani in Svizzera sia imminente. E’ rivoltante che un conflitto isolato tra ragazzini abbia scatenato un’ondata anti-islamica di una simile portata. Supporre  che tutti i musulmani in Svizzera vogliano introdurre la Sharia nel nostro paese corrisponde a isterismo estremo. qui

C’è una stretta correlazione tra immigrazione clandestina e carceri. (…) E’  il monito lanciato dal ministro della Giustizia, Paola Severino. (…) E’ evidente, ha poi aggiunto il guardasigilli, “che l’emarginazione dello straniero, soprattutto clandestino, è occasione per la criminalità perché’ si tratta di persone senza punti di riferimento , che hanno bisogno di tutto, e questo provoca danni a cascata”. qui

Lo zio paterno gli ha tagliato con la forbice una parte del lobo dell’orecchio sinistro come punizione per non essersi presentato in moschea il giorno prima in occasione della funzione religiosa. Un barbaro atto di violenza che, secondo il malcapitato, un ragazzino africano di quattordici anni trasferitosi da poco coi genitori ed il fratello più grande ad Arzignano – in provincia di Vicenza – sarebbe stato soltanto l’ultimo di una lunga serie. Stando all’agghiacciante racconto del giovane musulmano, infatti, per lo stesso motivo, lo zio – un assiduo frequentatore della comunità islamica locale – in passato lo aveva già colpito altre volte con un lucchetto di metallo. qui

Le autorità di Bruxelles hanno preso la decisione di mettere sulla piazza centrale della città al posto dell’albero di Natale tradizionale una installazione digitale. La decisione ha provocato le proteste tra gli utenti dei socialnetwork. La situazione si è surriscaldata dopo il commento di un componente del Consiglio comunale, Bianca Debaets, che ha spiegato la scelta dei motivi religiosi: l’albero di Natale, simbolo cristiano, potrebbe offendere i sentimenti religiosi dei rappresentanti di altre confessioni. qui

Diciassette mesi e cinquantacinque milioni dopo, il gioco dell’oca degli immigrati torna alla casella di partenza. (…) Finora si sono spesi 43,50 euro al giorno per ogni immigrato, più 2 euro e 50 di «pocket money» da spendere presso negozi convenzionati. A conti fatti quasi 55 milioni di euro ai quali bisogna aggiungere i quattro euro al giorno per ogni migrante intascati dalle associazioni di volontariato incaricate di seguirli.

A Napoli tutti i 728 stranieri provenienti da molti Paesi africani, ma arrivati dalla Libia in guerra, sono stati sistemati in hotel: 33 le strutture coinvolte. Sul territorio regionale il 68 per cento è finito in albergo, il 21 per cento è stato affidato alle associazioni e alle cooperative sociali, il 9 per cento alla Caritas e il 2 per cento ad altre strutture. In teoria tutti i nord africani avrebbero dovuto seguire corsi di italiano. Ma basta fare un giro nei dintorni della stazione, dove ci sono molti degli hotel che li ospitano, per accorgersi che quasi tutti continuano a non spiaccicare una parola nella nostra lingua. qui

Dalle prime ore di questa mattina la polizia ha eseguito una serie di arresti e perquisizioni in diverse città d’Italia (…). Quattro persone sono state arrestate con l’accusa di “incitamento all’odio razziale ed etnico”. La polizia ha, poi, oscurando il forum italiano di Stormfront, il sito che esprime posizioni di nazionalismo, supremazia bianca e antisemitismo. qui

«(…)  Nel caso in cui vi sia un significativo interesse e un grande vantaggio per l’Islam allora è consentito. (…)  Non v’è alcun dubbio che gli attentati suicidi fī-Sabīlillāhi contro i nemici di Allāh e del Suo Messaggero e contro i nemici dei musulmani, siano un’azione meritoria che avvicina il musulmano al suo Rabb, e non v’è alcun dubbio che sia un modo eccellente per cundurre il jihād fī-Sabīlillāhi; chi muore in operazioni di questo tipo è uno šahīd, in-Šā’-Allāh …(…)

I vili ebrei sono un ammasso generalizzato di vizi e di corruzione, e un semenzaio di perversioni e d’iniquità; essi sono i più acerrimi nemici dell’islām e dei musulmani. Allāh ha reso necessario combatterli e portare avanti il jihād contro di loro di modo che la parola di Allāh sia la più elevata e la parola dei kuffar la più bassa qui

Sono trascorsi più di due anni e il thread è ancora lì.

Il crocifisso va tolto dalla parete a «garanzia della laicità del locale che è pubblico e a uso civico» ordina il Comune di Rosignano Marittimo (centrosinistra, con sindaco del Pd). (…) Il crocifisso resta appeso, nonostante il regolamento e la lettera del Comune. «Noi non abbiamo nessuna intenzione di toglierlo – conferma il responsabile della Misericordia di Castelnuovo, Andrea Filippi – perché è un simbolo della nostra cultura, non offende nessuno e non accettiamo diktat sulla libertà di professare il nostro credo religioso. Infine il crocifisso è il simbolo del cristianesimo che, se non sbaglio, unisce idealmente non solo l’Italia ma tutta la nostra Europa». qui

Meno 15 mila iscritti all’anagrafe rispetto al 2010. Cresce solo il numero dei figli con entrambi i genitori stranieri. Diminuiscono anche i nati da coppie di nazionalità mista. qui

Michael el Masry, un ex mussulmano, ha lanciato un canale TV cristiano,  Al hyat TV Australia, interamente finanziato da lui, che ha incontrato una forte opposizione da aperte della comunità islamica. “E’ importante che spieghiamo ai mussulmani la loro religione.  Li amiamo come uomini e come donne, sono belle persone, ma sono ingannati. Ricevo molte minacce, ma non ho paura.”

Gli ex mussulmani a Sidney possono assistere al culto cristiano in arabo e in inglese. (…) La maggior parte è costituita da ex mussulmani convertiti al cristianesimo. Alcuni frequentano la chiesa di nascosto per paura, dopo che molti di essi hanno ricevuto minacce di morte per aver abbandonato l’Islam.

Lo stesso pastore della chiesa, Ali Baz, un ex islamista radicale libanese, è stato minacciato di morte. C’è Helena Menadue, un’altra ex mussulmana d’Egitto, fuggita in Australia per essere libera di vivere la sua fede cristiana senza correre il rischio di essere  rapita e torturata,  insieme alla sorella,  dalla polizia che l’aveva già minacciata. qui

E questo

Un anno fa Naima aveva raggiunto in Italia il consorte, ma lui non poteva sopportare che lei vedesse degli italiani. La picchiava di giorno e di notte, l’ultima volta aveva utilizzato una pesante livella da muratore. La giovane, con uno stratagemma, era andata al pronto soccorso, e poi si era fatta prendere in consegna dal commissariato di Gallarate, dove aveva denunciato il marito aguzzino, poi arrestato per maltrattamenti e lesioni volontarie aggravate. qui

E’ andato dai suoi figli e si è fatto aprire la porta, poi li ha sgozzati. Prima è toccato al piccolo Ahmed, di soli otto anni. La sorellina Jihane, che con lui era molto premurosa e protettiva lo ha visto morire, mentre il padre l’aveva legata con la corda che si era portato da casa. Due colpi alla gola e il piccolo è morto dissanguato. Dopo ha scritto sui fogli in cui i bambini stavano facendo i compiti. Su uno, in arabo, c’è scritto quel “Ti amo” col sangue. Sull’altro invece, ha preso una penna, ritrovata sporca di sangue, e ha scritto: «Che Allah ti maledica».  qui

La scelta veniva nelle scuole: una carezza sul capo faceva capire al preside chi doveva entrare nell’harem. Ma al Rais piacevano anche le europee: per questo durante i suoi viaggi all’estero chiedeva incontri femminili con la scusa di parlare del ruolo della donna in Libia. (…) Erano schiave a sua disposizione per soddisfare la sua perversa, rapace, ossessione per il sesso, meglio se violento. (…) le costringeva a ogni pratica di rapporti sessuali, anche le più sadiche, da sole o in compagnia di altre disgraziate prede giovanissime, di tredici-quattordici anni, non importa se maschi o femmine. (…) Particolare valore aggiunto avevano naturalmente le donne straniere, specialmente europee. Non a caso durante le sue visite all’estero pretendeva che gli si organizzassero incontri con gruppi femminili. Ufficialmente per parlare del ruolo primario delle donne in Libia, ma le intenzioni era tutt’altre. qui

L’Europa e’ la destinazione principale verso cui si orienta il 32,6% dei migranti. Al 1° gennaio 2011 la popolazione straniera presente in Europa era pari a circa 40 milioni, l’8% della popolazione residente, con un aumento percentuale dal 2002 del 179% (Eurostat). In Italia gli immigrati regolarmente presenti sono oltre 5 milioni (Caritas), l’8,3% sul totale della popolazione. Il 12,8% di questi risiede al Sud. Per Santino Scire’, presidente Acli Sicilia e vicepresidente nazionale Acli con delega all’Immigrazione, “il primo impegno deve essere culturale ed ha una duplice dimensione: contrasto e contenimento del sentimento della ‘paura’ dell’altro e del diverso che ha fin troppo caratterizzato la cultura, e persino la politica, degli ultimi anni in Italia”. (Adnkronos)

La storia raccontata dalla 28enne è quella di una ragazza occidentale che nasce cristiana e si converte dopo un viaggio a Dubai, all’età di 18 anni. “Ho scoperto una religione, l’islam, che riesce a dare un significato e una pienezza ad ogni momento della mia vita” ha detto la ragazza, che ha raccontato del fascino provato nel suo viaggio nel vicino Oriente. Da ragazza punk e ribelle, Nora Illi diventa una donna madre, con quattro figli e un marito mussulmano, anch’egli svizzero di nascita. (…)

Per quanto riguarda il rapporto tra uomini e donne e il tema della poligamia, Nora Illi ha le idee chiare. Secondo la donna, la poligamia presenta molti vantaggi: “Le responsabilità nell’ambito della vita matrimoniale vengono suddivise e ciò rappresenta un alleggerimento per la donna. Anche per quanto riguarda l’ambito sessuale, la poligamia dà la possibilità di variare“.

Come scrive il Blick, Maischberger ha chiesto a Nora Illi se è possibile anche per lei, come donna, “variare”. Nora Illi: “nell’islam l’uomo può avere quattro donne, ma la donna può avere soltanto un uomo. Questa regola è conforme alla natura. Le donne hanno meno impulsi sessuali rispetto agli uomini“. qui

In Belgio il partito Islam promette di instaurare la sharia. E parte la protesta dei residenti. (…)  L’obiettivo della mobilitazione è quello di mettere fuori legge “Islam” poiché “uno degli eletti ha espresso il proprio auspicio acchè il Belgio divenga uno stato islamico ed introduca la sharia, in totale opposizione alle leggi democratiche belghe ed europee“. Isteria dettata da pregiudizi xenofobi? Parrebbe di no dalle affermazioni rilasciate dal neoconsigliere in questione ad un giornale nazionale.

Costui dopo aver ricordato che il suo è un partito democratico, tollerante e quant’altro, ammette, tuttavia, che: Vogliamo spiegare la Legge islamica e, se il popolo lo vorrà, instaureremo la sharia per via referendaria entro 10, 15 o 20 anni.  Oggi, senza dubbio è troppo presto. la società non  è pronta: dovremmo tagliare troppe mani”. Altre perle  dall intervista riguardano il favore alla pena capitale per “i reati particolarmente odiosi“, il divieto di ambienti di lavoro e socializzazione misti per uomini e donne e l’opzione del matrimonio per gli adolescenti onde scoraggiare l’utilizzo di contraccettivi già a partire da 12 anni“. qui

Un imam tunisino che esercitava in una moschea di Parigi, Mohammed Hammami, è stato espulso dalla Francia per affermazioni “favorevoli alla jihad violenta, antisemite e che giustificano il ricorso alla violenza” contro le donne. Lo ha annunciato il ministero dell’interno, precisando “i fatti che gli sono rimproverati sono particolarmente gravi”. Hammami era il responsabile religioso della Moschea Omar, nell’XI arrondissement di Parigi. (ANSAmed)

In Inghilterra,  invece, una seguace della religione di pace, amore e tolleranza, ha ucciso il figlio di sette anni a bastonate (bruciandone poi il corpo) perché era riuscito a memorizzare solo alcuni versetti del corano, mentre lei pretendeva che memorizzasse almeno “35 pagine in tre mesi. Il bambino, pensate un po’, preferiva giocare con i coetanei. qui

«Disse il Profeta (s): “obbligate i vostri figli a compiere la preghiera all’eta  di sette anni, picchiateli dopo i dieci se non la compiono”.» 

Blog Stats

  • 271,594 hits
April 2014
M T W T F S S
« Dec    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archives

______________________
Dhimmitude
Break Sharia Law
Top human rights blogs award

FlagCounter

free counters
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

%d bloggers like this: